Un ingegnere spagnolo ha installato in Namibia un generatore che fornirà acqua potabile a una popolazione devastata da un'estrema siccità.

La tradizione africana dice che la pioggia è un segno di benedizione, soprattutto quando è previsto un grande evento. Ha piovuto copiosamente sull'Independence Stadium di Windhoek, capitale della Namibia, durante l'insediamento del nuovo presidente, Hage Geingob, che ha promesso davanti a migliaia di suoi seguaci di affrontare le sfide che restano, tra cui il grave problema della scarsità d'acqua in un Paese attanagliato da siccità e deserti del Namib e del Kalahari.

Da allora attende a braccia aperte l'arrivo del generatore Aquaer, la prima macchina a produrre acqua in condizioni estreme, con percentuali di umidità non inferiori a 10% e temperature superiori a 40 Cº.

Un ingegnere di brevetti spagnolo Enrique Veiga, che il capo dello stato ha ricevuto con tutti gli onori. Tuttavia, la pompa sarà più per chi l'unica immagine che ha atteso per tutta la vita è il sorriso di un ragazzo con in mano un bicchiere pieno di acqua potabile in un mare di sabbia. “Quello che afferma l'immagine compensa tutti gli sforzi. Allora saprò che ne varrà la pena. “

Processi specializzati a freddo, studi approfonditi alla Sorbona di Parigi e viaggi in Norvegia e Canada per apprendere tecniche più avanzate. Nel 1965, a 25 anni, viene a Siviglia come direttore di un frigorifero chiamato Barriere portuali. Ben presto, questo impianto diventa il secondo più grande in Spagna in termini di scarico di pesce congelato. Nel 1996 lasciò il lavoro, raccolse i soldi che aveva risparmiato e si concentrò sullo sviluppo del suo progetto, spinto dalla siccità che aveva colpito il paese e che aveva portato, nel 1995, a severe restrizioni e tagli all'offerta. Se essere un sognatore significa portare felicità all'uomo, Enrique Veiga si sente il più donchisciottesco dei sognatori.

Dopo il successo come tecnico frigorista, con una brillante prospettiva professionale, rinuncia a una carriera promettente e intraprende un compito immane convinto che sia possibile ottenere acqua dall'aria dove non si può ottenere altrimenti. In questo sforzo, sviluppa un prototipo di generatore di condensazione del vapore acqueo nell'aria. Questo è lo stesso principio osservato nel processo di condensazione visualizzato sui condizionatori d'aria.

Sebbene sia di aspetto secco, il contenuto d'acqua dell'aria, sotto forma di vapore, è considerevole. Se la temperatura viene abbassata fino a superare il punto di rugiada, cioè quando inizia a condensare, si ottiene come la pioggia che ha tutte le caratteristiche per essere acqua potabile non trattata.

Da quel primo brevetto cominciano a comparire gli esperti dell'Istituto Nazionale di Tecnologia Aerospaziale e dell'Agenzia per la Cooperazione Internazionale per certificare l'invenzione. “Quando ho spiegato cosa stesse guardandomi in modo strano, ma la cosa ha funzionato e loro non ci credevano del tutto. Non ho mai avuto dubbi. Le difficoltà erano altre. “

L'indagine è stata bloccata da difficoltà di finanziamento. il primo salto industriale, con la creazione della società Aquaer Generators, grazie alle conoscenze acquisite dall'azienda di famiglia Consulting Refrigerator e l'ingresso di un'azienda di refrigerazione industriale nella cui officina con 25 operai, vengono poi prodotti i prototipi montati in serie. Manuel García e Luis Fernandez, manager di Altecfrío, si uniscono al sogno. Secondo John Veiga, figlio del fondatore, lo sviluppo si è basato su tre pilastri: tecnologia, risorse e fiducia. Il generatore può produrre fino a 3.000 litri di acqua al giorno nelle condizioni più avverse.

Ci sono ancora persone che dicono: "Questo ragazzo è pazzo". In realtà è un miracolo e, come ogni evento al di là della ragione, è possibile perché ha fede e determinazione. Enrique Veiga ha passato brutti momenti, quando tutto sembrava andare in pezzi quando il lavoro di ricerca di una vita a problemi la cui soluzione naufragava resisteva. Incomprensione e dolore a chi lo lasciava parlare, quando era chiaro che non capivano niente. È convinto che l'importante siano le basi, le basi.

Non ci vuole la mente di Einstein, ma il tempismo di Leonardo da Vinci. Invenzioni che hanno significato grandi progressi si basano su principi semplici, meccanismi semplici che abbiamo davanti ai nostri occhi e non riusciamo a vedere fino a quando non ci rendiamo conto. Ci sono innovazioni che cambiano il mondo.

Che ha già fatto un tedesco

Enrique Veiga è difficile perdere la pazienza. Da ricercatore che ha fatto dell'innovazione il suo tratto distintivo, è abituato ad aspettare. Tuttavia, se c'è qualcosa che preme i pulsanti si sente quando il turno esclama al suo lavoro: "Che ha già fatto un tedesco". Questi recalcitranti nemici del talento, mai capito che il governo della Namibia ha commissionato tremila generatori e altri paesi latinoamericani come il Cile, si sono interessati all'ingegno. L'invenzione crea posti di lavoro e ricchezza e salva anche vite umane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

it_ITItaliano